martedì, maggio 31, 2016

Let it out by Katie Dalebout

Let it out by Katie Dalebout and published by Hay House Inc. is a book for creative and for all that people with a dream: being  more happy than they are.

The author is a real true-planner.


This one is the first book I read of the so-called "new generation" of writers connected with the net and Instagram and social medias and in fact I found a lot of differences in comparison with the other self-help books I read in the past.

There is more velocity,  more mental "stress" and well, also a more compulsive capacity and desire of organize the life.

Katie Dalebout is part of the new generation of writers for people constantly busy not only anymore with normal life but also with internet life as well.

Various sections of this book will also include our relationship with these powerful and sometimes complicated instruments.

Let it out wants to awake your inner creativity as I said before.

So the best thing to do first of all is buying a journal following the directions as Katie call them.

There are many powerful exercises, like decluttering our spaces for re-becoming connected with our self.

The exercise I love the most? The one to try to do all the opposite of what we would do. What freedom!

I love the idea of keeping a jar, because I did it in the past and it is wonderful to re-read at distance of years the beautiful positive messages "posted" there.

Katie thinks that also negative thoughts are important vehicles for us and for trying to understand us better. Removing them it will mean build a different and new self more conscious and more happy.

An exercise Katie knows it's powerful (I tried with a friend of mine depressed and it worked successfully, she was absolutely happy! after it) is to help someone else in need.

All of us think, when we are sad that  we can't be helpful  because of our condition.

Try this exercise and you will discover that it is the opposite.

Maybe no one is indispensable in this world but everyone necessary for building a best society.


The biggest gratification born by a simple fact: that the person involved, the one depressed discover with joy and surprise that can be of help.
And to him/her it is like reason of joy and excitement.

Abundance: who wouldn't want more money? Or abundance. The motto of Katie is more you give and more you receive.

The Happythankyoumoreplease section will help you for being grateful for what you have and at the same time for asking more to the Universe ;-)

The money Manifester an interesting experiment because will let you show who you are financially (pretty scary exercise, lol), your potentialities and problematic while the New Moon Manifesto a romantic way for asking something to the Universe.

Talking of healing each of us knows that sometimes we fall ill because our body is weak and because "we want to be sick" unconsciously. It's up to us, to healing ourselves.Some chapters will involve this important thematic and there is a chapter all dedicated to heal the world as well.

Katie treats later a topic so important: the one of shame. We feel always some shame for something. inadequacy, a gaffe, something we said not truly appreciated by another person, or an action we wouldn't never wanted to do.

How can we repair? You will discover. Using your journal you will be in grade to Let it out everything! re-starting a new complete and good life with more consciousness.

Katie will want to cure your fear giving precious tips about love. For creative there are at the beginning of the book beautiful suggestion for creating stories. Katie suggests, why once created not submitting them at The New Yorker?
Let's think positively.

A part I also loved a lot the Chat with God.

Beautiful book for living a new life, precious advices, and plenty of informations.

Let it out your joy, Let it out your self, Let it out all your potentialities and first of all Let it out your Happiness and your desire to be a best person!


I thank you netgalley.com for this book.




Anna Maria Polidori























sabato, maggio 28, 2016

Letters From Madelyn: Chronicles of a Caregiver Second Edition by Elaine Sanchez


They were the family Kubin.

They lived  on a farm at six miles from McPherson a town in Kansas with 14.000 people in total.


What attracted me at first when I picked up this book on NetGalley.com firstly was the genre: the epistolary one.

I not only found the reading pleasant, but I discovered in the protagonist, Madelyn an exceptional woman and an example for all of us, with an integrity, a passion for this life, and constantly new interests absolutely admirable.

 "Letters from Madelyn" - Chronicles of a Caregiver is in fact the story  of a series of letters Madelyn, the protagonist of this story start to sends to her daughter Elaine, (later adding also Elaine's fiance and later husband Alex) after that her husband Quentin experiences a terrible stroke in 1993. Madelyn starts to write with frequency to her daughter at the beginning of 1994 until 1999. 

 This book is a quick reading  thanks to the precious words of Madelyn, a woman who fought with all herself for her beloved husband until the end, someone who taught many spiritual lessons to all of us thanks to her precious, wise words spread in her numerous letters.

The daughter Elaine K.Sanchez in the foreword writes that these letters, edited by her once her beloved mother Madelyn passed away were long something like 5-10 pages.
Each.
Letters plenty of informations.

Madelyn keeps updated her daughter about everything. Her husband Quentin and his conditions, her flowers, weather, neighbors, activity at the church, her reading, in particular The Unity and many other spiritual authors and books.

Madelyn was a letter writer for sure with a great, impressive, perfect and fresh writing-style.

What it is special in Madelyn is this:  going on although her husband seriously sick, with a big smile on her face and a special optimistic attitude for life, people and events.

Once she fell in love for Reiki and she discovered she could heal some Quentin's pains with the power of Reiki and her hands. Although Quentin's health was precarious, she tried all her best to give him dignity and fun time.

Another time we will find Madelyn arranging "romantic" meetings ( to the restaurant all together for eating something) between Quentin and an old flame Avis and her husband. Yes because Quentin started to develop at a certain stage of his illness a true great fixation for sex. Once he asked to Madelyn to have sex with her. He was strongly refused. "Sex a chapter of our life over, dear."
So Quentin's fixation for Avis, another pretty sick lady.

You will also discover in a special section pictures of all the family Kubin. Special people.

This one I read is the second edition of this book and in the while Elaine, the daughter, developed a website thanks to the success of the first edition: CaregiverHelp.com

I am not surprised. Madelyn was a special special human being and her message extremely powerful.

Her daughter writes Madelyn inspired by authors like Napoleon Hill and Norman Vincent Peale an author, this second one I love so badly for the great power of his words.

I have quotes of his books in many corners of the house, for remembering always how precious and great life is.

I am sure that Madelyn was inspired by these great minds but at the same time I I think Madelyn was inspired by herself and her wonderful light and soul. She spread love, compassion, help to her husband and everyone she knew.


Published by WriteLifePublishing, this one is the beautiful portrait born thanks to her written words, letters of a beautiful life very well spent.
An example of the life  lived and spent as maybe should be spent and a proud example of love and dedication to the others.

I strongly suggest this book to everyone.


Anna Maria Polidori

domenica, maggio 22, 2016

La figlia dei Ricordi Sarah McCoy Recensione

Succede sempre così. Compero tanti libri, poi il tempo è poco per leggerli e vedo pile ovunque. Questi giorni un pò stressanti mi sono concessa la lettura di alcuni acquisti che ho fatto in passato.

La Figlia dei Ricordi di Sarah McCoy (pubblicato dal Gruppo editoriale Mauri Spagnol ho letto l'edizione Mondolibri ) è un libro che mi è non solo piaciuto ma ha permesso di farmi penetrare immense tematiche come l'immigrazione, l'emigrazione, l'accettazione, la paura dello straniero e la fredda, lucida, spietata analisi di chi abbiamo di fronte a noi.
Che cosa rappresenta una guerra?
Che cosa è in grado di fare agli uomini?
Come li cambia e li trasforma?
Che cosa diventano?
E poi:
Siamo migliori di chi arriva per salvarci?

Il libro segue uno stile a me caro.

So già che se scriverò un romanzo seguirò questi accordi. La temporalità spazia infatti tra la contemporaneità dei protagonisti e il passato di chi la vita l'ha già vissuta.

Il libro spierà le avventure della giovane tedesca Elsie e seguirà di pari passo le vicissitudini private di Reba, ragazza americana che vive a El Paso, Texas.

Reba è una giovane cronista. Lavora per un giornale di El Paso. Vive con Riki, un giovane che si occupa di sorvegliare i confini dello Stato con il Messico e di rimpatriare i messicani che provano a entrare nel Paese illegalmente. Un lavoro che gli piace. Affezionato e innamorato di Reba, le chiede di sposarla.

La ragazza esce però da esperienze familiari devastanti e non se la sente di cominciare a soffrire di nuovo. E se succedesse ancora? Se fosse inadatta? Ha visto troppo.

Intanto al giornale le chiedono di realizzare un pezzo sul Natale. Il Natale che si festeggia all'estero sebbene osservato da un'ottica locale. Insomma: intervistando qualcuno che ha deciso di emigrare. Com'era il loro Natale? Che cosa ricordano?

Reba sceglie una panetteria-pasticceria tedesca dove alla fine decide di andare per tentare di carpire qualche informazione dall'anziana e apparentemente burbera pasticcera Elsie.

Elsie adesso ha 79 anni e è la ruvida padrona di questa panetteria assieme a una figlia chiacchierona, aperta, allegra e a 45 anni ancora single.

Elsie non era nata in America.
La sua storia di diciassettenne comincia con una valigia piena di sogni e aspettative a Garmisch, cittadina tedesca. La giovane ragazza allora con i genitori gestisce una pasticceria e panetteria. Viene chiesta in sposa da un ufficiale tedesco con segreti nascosti e qualcosa da riparare. Lo ama?

Vede cose aberranti per la sua età. Comprende che il nemico a volte siamo noi. Che una guerra rompe tutti i codici di onore, tutta l'umanità per ridurre gli uomini a una dimensione bestiale.

Chi ha torto e chi ragione?

Mentre la giovane Elsie tenta di capire cose più grandi di lei, la giovane Reba non sa che pesci pigliare con il suo ragazzo.

L''intervista però piace e viene contattata da un giornale più grande di San Francisco. Tentare la scalata e provare a vedere come possa funzionare a distanza con Riki?

Questo libro mi ha fatto pensare. Alla condizione umana, alle diseguaglianze, a quell'amore che tanto vorremmo ma alle volte ci precludiamo per paura di soffrire, alla guerra e alle orribili conseguenze che porta con sé, a un Olocausto voluto con freddezza sistematica per sterminare ebrei, persone con handicap tentando di creare così una razza ariana, al lavoro e alle aspettative. Ai sogni infranti e a quelli realizzati. Alla gratitudine di chi è stato salvato e non ha dimenticato. All'altruismo e alla generosità di chi non si è girato dall'altra parte.

Strano: ho letto tanti libri con ricette e ho sentito sempre un enorme calore avvolgere il mio corpo e il mio spirito durante la lettura. Penso a Chocolat di Joanne Harris, ma anche a una lettura più recente "Finché le stelle saranno in cielo" di Kristin Harmel.

In questo caso, sebbene le ricette proposte, tutte tedesche, siano golose, il freddo vento dei campi di sterminio e l'abominio compiuto da un tremendo dittatore non mi ha permesso di "gustarle" letterariamente con la stessa leggerezza. Non ci sono riuscita e forse non voleva "trasmettere" così tanta dolcezza nemmeno l'autrice.

Non ultimo viene sollevato il tema dell'emigrazione che dal Messico porta tanta gente negli Stati Uniti per vivere un futuro migliore. Chi non vorrebbe dalla vita una seconda possibilità?


Anna Maria Polidori




venerdì, maggio 13, 2016

Una casa di petali rossi - Kamala Nair - Recensione

Una casa di petali rossi di Kamala Nair, titolo originario The girl in the garden (La ragazza nel giardino) mi ha profondamente commosso. Pubblicato dalla casa editrice Nord per l'Italia, ho letto l'edizione Mondolibri.

La signora Nair è diventata scrittrice dopo prestigiosi passaggi presso il Wellsley College istituto femminile tra i più prestigiosi in Massachusetts, continuando in seguito gli studi ad Oxford, in Inghilterra e al Trinity College di Dublino.

Quest'opera letteraria in un certo senso la riporta alle sue origini. La storia di quelle che intrigano.

La famiglia di Rakhee, l'adolescente protagonista del romanzo è apparentemente normale. Con i suoi genitori entrambi indiani e il cane Merlin vive in Minnesota. Ama il luogo, la gente, l'aria, i fiori, il paesaggio la giovane Rakhee. Ama il suo mondo e non le manca niente.

Sua madre, però un giorno comincia a ricevere strane lettere dall'India e cambia. Solare, estroversa, a poco a poco diventa una donna chiusa e cupa. Che misteri nasconde quella mamma così differente da quella che aveva conosciuto sino a poche settimane prima?

Le viene proposto da Amma, sua mamma di andare a trascorrere l'estate in India. La ragazzina è perplessa perché non vorrebbe lasciare la realtà che conosce per un salto nel buio. In più Rakhee è affezionatissima a suo padre Aba e al cangolino Merlin. 

Chissà se i due vorranno divorziare o tutto tornerà come prima? Si chiede angosciata.

Questo è un altro romanzo forte perché come spesso accade nelle famiglie la centralità della storia è un "terribile" segreto celato in questo caso per oltre sedici anni, che, ovviamente, ha condotto nel mentre la famiglia di Amma, rimasta in India alla completa rovina. Si sa: i segreti logorano e sarebbe sempre meglio non averne alcuno per vivere meglio.
I segreti sono destinati a logorare la vita e le menti dei protagonisti coinvolti.

Rakhee non ci sta. Non ci sta all'oppressione, e alla tirannia che incontra dentro la famiglia di Amma. Una cugina data in sposa a un vecchio, non farà una bella fine.
Un'altra bambina, il fulcro della storia, nata con una voglia e delle imperfezioni sul viso, una "figlia di uno scandalo" ridotta a vivere confinata in una bella casa, con un grande giardino, senza alcun tipo di rapporto umano con alcun essere vivente, a parte una signora che lei chiama "la maestra," per paura che il tanto temuto segreto possa essere rivelato.

La stupidità dei segreti.

Non so perché quando ho terminato di leggere questo libro, con le lacrime agli occhi, ho pensato a quanto fosse simile a: "Il colore Viola" di Emily Walker.

No: non nella drammatica fisicità della crudeltà degli abusi narrati nel romanzo della Walker, ma nella crudeltà mentale che ha portato una famiglia a un'ottimale auto-distruzione e a odi che sono cresciuti e maturati per decenni.

In più, come nel romanzo della Walker i protagonisti si rincontreranno dopo molti anni e la struttura del romanzo è di tipo epistolare, sebbene in questo caso non ci siano carteggi significativi. Solo una lunga lettera che Rakhee scrive al ragazzo che l'ha chiesta in moglie.

Rakhee infatti all'inizio del libro riceve una lettera. Una lettera dal passato, da qualcuno che non ama granché ma che le chiede di aiutare una persona che un tempo le è stata cara.
Allora, la ragazza, sospirone, scrive una lettera lunghissima al futuro sposo spiegandogli perché deve andare  in India e cosa non gli ha ancora raccontato del suo passato.


Il ritratto dell'India fatto dall'autrice può esser riassunto così: terra mitica, magica, calda,ospitale, ombrosa, terribile, antica, dura.



Anna Maria Polidori 

domenica, maggio 08, 2016

Il cinema a Gubbio. I ricordi di Irene

Anni '60. Gubbio.


Minuta, mora, occhi penetranti, sorriso buono, Irene Brunelli racconta i suoi trascorsi eugubini con naturalezza.
In particolare la incontro per parlare della cittadinanza onoraria a Franco Zeffirelli donata dal sindaco Stirati il 16 marzo con consegna presso la casa romana del regista.

Il sindaco ha così motivato la cittadinanza onoraria: "In segno di stima e ammirazione per gli alti meriti culturali. Un atto dovuto, un gesto di grande affetto e ammirazione della città di Gubbio, del consiglio comunale e di tutti i cittadini. Un riconoscimento che arriva forse un po' tardi, però è arrivato ed è la cosa che conta di più."

Franco Zeffirelli, 93 anni ha amato Gubbio portandola  sul grande schermo con produzioni come Romeo e Giulietta del 1968 e Fratello Sole, Sorella Luna del 1972.

 "Avevo 18 anni quando la produzione di Zeffirelli per Fratello Sole, Sorella Luna giunse in città."

I genitori dei ragazzini delle campagne amavano lasciare i figli da parenti o amici fidati durante i lunghi mesi invernali. Era questo, un modo per "svezzarli" renderli più indipendenti e consapevoli e al tempo stesso per permettergli una vita cittadina più agiata durante i lunghi mesi invernali.

La mamma di Irene, Adriana, scelse per la figlia questo percorso. Durante il giorno una volta tornata a casa da scuola Irene lavorava come cameriera presso il ristorante e albergo I Consoli a quel tempo gestito da sua zia Elena Brunelli.


"Un modo come un altro per arrotondare la paghetta settimanale e levarmi degli sfizi."

Che ricordi ha di Franco Zeffirelli?

"Aveva un figlio adottivo, Dorino. Lui non dormiva da noi, ma ai Cappuccini. Da noi alloggiavano le maestranze. Era soprattutto mio cugino Baldino che si prendeva cura del regista portandogli ogni giorno da mangiare sul set. Zeffirelli era un tipo parco. Chiedeva sopratuttto patate bollite."

Irene ricorda la gentilezza del direttore di produzione. "Quando mi vedeva andare a scuola si offriva sempre di accompagnarmi ma la scuola era a un tiro di schioppo da casa."

Irene rammenta quanto quel periodo fu intenso. "A volte servivamo pasti alla troupe perfino a mezzanotte. Una volta venne da noi a quell'ora il compositore della colonna sonora del film con altra gente. Facemmo le ore piccole e quando se ne andarono mi lasciarono una mancia di 10.000 lire. Un'enormità se pensa che il parrucchiere più caro di Gubbio prendeva allora 2.000 lire."


Anna Maria Polidori