lunedì, febbraio 29, 2016

LEX - When writing letters is more than a passion

 LEX A magazine for Letter Writers. My Interview with Lonna and Gary from Minnesota



I started to correspond in 1992. For a pure and lucky case.
I can't forget that year. A lot of changes in my life this friend from Sardinia, Tatiana, in a night plenty of stars, while we were walking together enjoying an ice-cream bought at the local bar telling to each other our amazing dreams for the still unknown future, traveling, discovering the world and so on, she confessed me she started to correspond in English with some Northern European girls. "You should give a try. It's nice. One of them answer immediately". I didn't know. She said me: "Come on: it will be a great adventure! Why don't you try? It's funny."

Convinced by my friend about the possibility of this big new writing adventure when Tatiana once back home sent me from Cagliari  the various addresses of her pen-pals I wrote to these three girls. Apart the shock of writing in English, it meant mental organization of a phrase structured in another language and the instant process starts to take place only when you know very well a language, 24 years ago you can't imagine what it meant! I have found very good pen-pals with which I corresponded with for a lot of time.

My dream has always been the USA, but I haven't never been there, and so I thought that if I had European correspondents, I could have given a try also to some American pen-friends.

I so contacted the United States Information Service for some help. The USIS is a branch of the American Library located in the American Embassy in Via Veneto, Rome.

It was a cloudy and raining late afternoon. I went to a public phone with some coins, always not sufficient for concluding the call properly. I remember I called the American Embassy I think three-four times for the complete lists of the first three pen-pals associations addresses.
I wrote three letters, writing down few lines per association, sealed the letter, posted it, and I waited.
What I wrote?  Where I lived, my age, why I wanted to correspond, my passions. It wasn't so difficult. I started to receive the first letters.

I also sent a letter to The Letter Exchange in 1993. I contacted the association now for discovering something more of their world.

Yes because from a certain time at this part, twenty years, as also other aspects of our old life, the world of correspondence declined dangerously with a negative impact for the present and the future.
People will just remember our tweets in the remote future? Our posts on Facebook? Is it enough?


I don't know you, but I haven't found too often through the net the same good human qualities  in people that I find through written letters.
Maybe it's because our brain rush much more, and we are at the constant search of something to watch, something to say. It's a busy brain. We are stressed because our brain receives a lot of informations. We don't know the other ones sufficiently good and we don't know often what to do for changing it. E-mails are impersonal.
We don't know dreams, expectations, problems, pains, joys of most of our internet friends.


Time ago I run out my writing-paper and I went to a store for buying new one. The 17 years old son of the owner of the store asked me what was for.
Alarmed I thought: "Possible that a culture of centuries and centuries of handwritten words is over?"

Youngest one don't know at all the meaning of an handwritten letter. Whatsup, Viber, Skype  Facebook, Instagram, Snap Chat. No one wants to wait anymore. Youngest ones don't know the meaning of waiting.

Since there I want to try to give voice to people who have chosen also a different life, more balanced, searching for the modern, but also for the old-fashioned way of living. People who still love the old-fashioned way of communicating via letters.

I discovered that some associations of pen-friends are disappeared with the time, defeated by the use, abuse and power of the net. Most of them are gone from a decade or more. Maybe a choice, maybe the possibility for people of contacting with simplicity someone through the web in a quickest, apparent way.

LEX doesn't seem to feel any crisis. Correspondence is a joyous experience and all its members  strongly motivated.

Beautiful website, wonderful magazine, this reality was located the first time in Albany, California,  his founder Steve Sikora.
Created in 1982, although at that time international listing published with name last name and address, Steve's idea was also the one of assigning a code number to each subscriber using later a forward mail service.
12.000 devoted subscribers the first 18 years, Steve continued this activity helped by his mother and his sister. He forwarded 165.000 letters. At the end of 2000 Steve Sikora decided to giving up after the publication of 51 issues of LEX.


At the same time a couple from Minnesota addicted to LEX, great fans of this system of writing, Lonna and Gary (Gary started to be a LEXER from 1986 Lonna only in 1999) decided to resuscitating the association of pen-friends they missed so badly after just two years.

LEX I discovered is one of the nicest realities dedicated to the correspondence of all the USA.
It's precious and written with a sophisticated treat.

Their method as said before not the conventional one. You won't find correspondents per age for example or with their name or last name written down in the pages of their stunning magazine.
No.
It works differently.
LEX has a lot of categories.
Art & Photography, Daily Life, Literature, Work & Career, 30 in total, and you will find listing of people in each category. Then, when you find the soul attracts you the most you write him/her.

Maybe sometimes you don't know if that person is also a male or a female or if the gap of age between you and that person will be immense. But the fascination of LEX is this one.

You can ask so: how can you receive a letter from a person you don't know the name yet?

You can use the confidential forwarding service created firstly by Steve that connects letter writers anonymously through Lex Numbers until you feel comfortable exchanging addresses. Or you may correspond entirely using the forwarding service.

LEX is not intended for personal contacts as also explained in the guideline of the magazine, but just for people wants to meet other souls through the pages of a letter.


The magazine is published three times per year on February 15, June 15, and October 15. There is a lot of fantasy in term of requests from Lexers and looking at this magazine you have the perception it is written with great love.

Subscribing per a year cost $23.00 if you live in USA, $24.00 if you live in Canada and $26.50 worldwide. You will receive twenty free words per issue for listings.
Your listing will appear in a specific category or you can use the listing for various categories as well. But what if you need other words? You can buy them at the cost of $.50 cents per word.

Lonna and Gary lives in North Oaks, Minnesota, a State dedicated to the correspondence. It's very cold there, and you imagine that, during the winter-time writing letters,  for sure can keep the sparing time of a day more interesting and intellectually fertile..

So let's talk with Lonna and Gary about LEX.

When did you hear of LEX?


"Gary read about Lex in an article in the Minneapolis Star Tribune in 1986. He subscribed immediately".  Gary adds: "Lonna didn't decide to write letters until much later".

Why did you decide once Steve gave up to re-start the publication of LEX?

"Well, we missed Lex!  We liked it's unique system of Lex Numbers and forwarding. The groups that match people by age, gender, location, didn't particularly appeal to us. So, we decided the only thing to do was resurrect Lex".

The kind of correspondence you promise is like a hump in the dark
because there are not addresses and no possibilities to discover who
he is searching for a correspondent. Why did you choose this kind of
system?


"The Letter Exchange was originally started by Steve, and we like the Lex Number system he set up. When people have to gradually get to know each other through letters, they sometimes find themselves enjoying a correspondence that they never would have started if they had known things like age, and made hasty assumptions, in advance".


Who is a LEXER? A writer, a screenwriter, a common person in search of friendship...

"All of those and more. Librarians, reporters, engineers, artists, students, homemakers, retired people, teachers... People who like to write letters seem to come from all walks of life".

Who is the oldest subscriber and where is she/he is from?

"We don't ask subscribers for information about themselves, but we know from their listings that there are Lexers in their 90s. Oldest in length of subscribing... There are still two active Lexers who have been subscribers since the beginning!"

Loyal pen-pal  for sure.What LEXERS are searching for?

"We think it varies from person to person.... Exchange of ideas, friendship by mail, learning about other cultures and ways of life".

Your idea of correspondence is beautiful, truly romantic, researched
and there is plenty of culture in every issue of our magazine. What does correspondence
mean in our times and how much this world changed because of the net?


"Letter writing today is like candles and fireplaces, things that used to be essential but now are valued for their own sake. 
Many people especially like handwritten letters, although Lex's focus is letters through the mail, typed, printed, calligraphed, or whatever.
With the internet encouraging fast and brief communication, it's more satisfying than ever to take the time to read and write a real letter".


Do you think that the correspondence will always survive or that in
the close future we will assist at a new revival?

"We think that letter writing will continue in the future, practiced by a smaller group of dedicated writers. Other technologies, e-mail, text, chat, social media, have siphoned off some writers, but we think letter writing has its own satisfactions and will continue to attract people in the future".

I read LEXERS don't love to meet people with which they're in contact with. Why? 


"We have heard that some people choose to get together, and sometimes the experience is positive and has deepened the correspondence but sometimes it's been negative and people have stopped writing because of it".


From how many places do you receive listing for being published?


"Lexers live all across the U.S. We have subscribers in almost all 50 states.  Maybe 5-10% of subscribers are International, living mostly in Australia, Canada, the United Kingdom, with a sprinkling from other countries".

How many letters can receive each LEXER?

"It varies. We don't keep statistics but some people have reported receiving dozens of letters to a single listing, sometimes more than they can reply to. Others have received only a few or even none to a particular listing".

How many correspondents did you have?


"Wow.. A lot. We really haven't kept any track but over the years...hundreds! Gary was corresponding with about 75 people, many of them postcards pals".


Many thanks Lonna & Gary and happy and joyous work.

If you want to contact LEX

The Letter Exchange
855 Village Center Drive, #324
North Oaks, MN 55127-3016
USA




Anna Maria Polidori

mercoledì, febbraio 24, 2016

Gli uomini di Morena ripuliscono la strada principale

 
Ubaldo è entrato in casa di gran carriera e tutto eccitato. "Dài Anna, prendi la macchina fotografica e vieni a immortalarci mentre ripuliamo la strada così che tutti vedano".

Le ho provate tutte...
Lo smart phone scarico, le pile della macchina fotografica digitale andate, pensavo: me lo potevano aver detto prima.
E ora? Alla fine, Eureka! ho preso le stilo della macchina della pressione, belle de mamma, che funzionavano a dovere.

Mi sono precipitata fuori. Un gruppo di uomini, Luigi Martinelli e i suoi fratelli Orfeo e Giuseppe detto Peppe con Pallo Radicchi e Ubaldo Brunelli stavano risistemando la strada principale.

Le ginestre e altra sterpaglia stavano chiudendo la strada di Morena e sebbene i tanti solleciti all'amministrazione comunale non c'è stato   nessuno che abbia proceduto a dei seri lavori che coinvolgessero anche le banchine.

Un trattore per spostare sotto i dirupi le ginestre, gli uomini hanno lavorato di buona lena per diverse ore. Lo hanno fatto con piacere. È il luogo dove sono nati, dove siamo tutti nati e ci teniamo.
"Certo: i nostri giovani se ne sono andati via, questo è un gran peccato perché potevano essere di aiuto".

La paradossalità di questi anni: la  scomparrsa dei giovani dall'area, sebbene ormai non manchi nulla per vivere bene e dignitosamente anche qui. L'area per questo, è vero, è sempre più "diversamente giovane".

Intanto da mesi un pò tutti gli abitanti della frazione hanno tentato di contattare senza esito l'amministrazione comunale per ottenere un aiuto.

Sempre stato riferito che non ci sono i soldi per risistemare le strade oppure mancano le persone.

Non che la nostra zona sia stata mai apprezzata. La Cenerentola del comune.

La gente svilita e rassegnata, quando c'è stata la pausa pranzo una depressione indicibile ha accompagnato tutti gli uomini che tornavano a casa per pranzo.

"Chissà come andremo a finire...Tra dieci anni non lo racconteremo...Intanto oggi stiamo ripulendo. Chissà quando moriremo...Un deserto tra dieci anni."

Basta! Basta con i deserti. Basta con tutto!


Morena non merita tutto questo. La gente di Morena non merita una depressione così profonda.

Sì: la strada di Col del Cece è stata riaggiustata e il danno  imponente che era stato causato dal terremoto e dall'acqua tamponato. Ora la strada è agibile.
Vorremmo che ora venisse presa in considerazione anche la strada principale.

La dignità passa soprattutto attraverso tutti quei servizi che devono rendere più semplice la vita dei cittadini.

Da circa tre amministrazioni non riusciamo a tenere pulite le nostre strade con pesanti frustrazioni da parte degli abitanti.

L'ultimo sindaco cui venivano poste molte speranze ha ottenuto in zona un voto bulgaro: 28 consensi contro uno.

Ci sono turisti a Morena.
Sì: anche nella nostra area e grazie alla piccola realtà di bed and breakfast fondata da Gianni e Monica, Grannoce. E questi turisti che vengono a dormire nel loro bed&breakfast creano non volendo un piccolo indotto.
Ci sono poi i pullman di ragazzini che ogni tanto usufruiscono della chiesa per alcune giornate. Sono piccoli indotti che dicono qualche cosa: che l'area interessa.
Piace.
In estate tornano tutte le persone che in passato hanno scelto di abbandonare l'area per andare a lavorare all'estero negli anni '50. Mica si sono dimenticate di Morena. Allora: perché lasciar morire un bel fiore?

Mentre ovviamente occorrono uomini per ripulire e andrebbe ripulito e risistemato di brutto, mi sento di suggerire al sindaco, qualora non trovi esseri umani che ripuliscano l'erba e i cespugli infestanti di dotarsi di un gruppo ben folto di capre da lasciare nelle varie aree del comune. Sorvegliate.

Hai visto mai che zero spese, gli animali saranno tutti felici e contenti quanto le persone?


Anna Maria Polidori

mercoledì, febbraio 10, 2016

Gli idealisti "rivoluzionari" vincono le primarie nel N.H.

Alla fine un vento selvaggio di cambiamento ha avuto la meglio su tutto e su tutti.
Lo stesso che spinse alla fine Obama alla Casa Bianca.
Gli Americani pare stiano diventando rivoluzionari.
Questo cambiamento di rotta però, se mantenuto risulta essere forse più epocale di quello che portò l'allora primo presidente nero a ricoprire la carica più potente del mondo.

I compassati elettori Americani del New Hampshire infatti per la prima volta hanno deciso di voltare le spalle alle dinastie delle grandi famiglie di politici acclarati, scegliendo i candidati più "forti", più "estremisti" se vogliamo, con idee alquanto distanti le une dalla altre, sebbene questo renda ancor più fertile e interessante la campagna elettorale.

Da una parte il mantenimento di un sistema esistente, quell' "American Dream" incarnato nella persona del bilionario Donald Trump, dall'altra il socialismo rivoluzionario del candidato democratico Bernie Sanders.

Grande sconfitta in queste primarie la troppo compassata Hillary Clinton.

Questi i volti vincitori di un'America distante ma uguale.
Trump può guardare Sanders negli occhi (e viceversa) e rispecchiarcisi. Figli della stessa terra parlano la stessa lingua ma i loro obiettivi e la visione della loro America radicalmente diversa.

Gli USA sono in trasformazione. Il Presidente Obama ha dato il via a una riforma della Sanità nel Paese più accessibile anche alle persone meno abbienti.

Donald Trump, forte del fatto che il suo impero è stato costruito in un certo sistema non solo ha voglia di preservarlo ma vuole irrobustirlo.

"Non ci faremo togliere le armi dalle nostre case" ha parlato di recente riferendosi alla polemica sempre aperta di un maggior controllo sull'utilizzo e soprattutto la vendita di armi, tema caro all'attuale presidente Americano Barack Obama.

Con i musulmani ci va giù duro. Non li vuole vedere in giro. Insomma: la sua è una politica populista che tocca il cuore delle persone e che è trasversale. Gioca a suo favore il fatto che sia una persona che ce l'ha fatta. Tanta gente lo ha votato perché non è un politico. La speranza? Che possa migliorare ancora di più e in meglio il Paese e le vite dei cittadini.


Bernie Sanders è il più rivoluzionario dei due a pensarci bene. Se Trump corre per inseguire quell'America trasognante che ha fatto sì che anche lui potesse concretizzare il "Sogno Americano" ora la parola socialismo che in America era una bestemmia è stata importata simpaticamente da "Bernie" come lo chiamano affettuosamente i suoi elettori.

Questo simpatico signore 74enne ha l'effervescenza e la grinta di un ventenne e sta conquistando un elettorato giovane di diciottenni in cerca di risposte ai propri disagi esistenziali promettendo grandi agevolazioni fiscali per chi deciderà di studiare all'università.

C'è rabbia negli Stati Uniti e malcontento. Sanders lo sa bene e tenta di dare giuste ricette. Vorrebbe estendere l'Obamacare a tutta la popolazione. Vero trascinatore, ha idee rivoluzionarie. È riuscito a essere amato, così come Trump. Per le opposte ragioni.

La gente appare stanca del passato e forse confusa da un momento storico spaventoso e da un mondo sempre più chiuso, ostile e privo di sogni. La gente, soprattutto è spaventata.

Non sorprende quindi che un arrabbiatissimo Donald Trump ce l'abbia fatta. Gli elettori devono rispecchiarsi in lui, immagino.
La paura di chi non conosciamo, la ferita dell'11 settembre, la potenza di Al Qaeda e dell'ISIS, e ancora gli attentati di Parigi fanno pensare a una maggiore rigidità riguardo a una tematica, quella dell'immigrazione che è il cuore fondante dell'America.

Non sorprende che Sanders ce l'abbia fatta. La paura del lavoro e del futuro non più così certo spinge i giovani e i meno giovani a scelte forti.

Staremo a vedere che cosa succederà quando le primarie si sposteranno in altri Stati.

Forse la discesa in campo di Bloomberg, ex sindaco di New York, se confermata potrà aiutare a rendere ancora più stimolante una campagna presidenziale che è una delle più polemiche e al tempo stesso interessanti della storia moderna.


Anna Maria Polidori



lunedì, febbraio 01, 2016

The Letter Exchange

Un progetto ambizioso nel Massachusetts: far tornare a scrivere le persone. Con carta e penna


La corrispondenza è ormai storia passata. O no?

Un tempo un valore aggiunto a quello che era un normale scambio di pensieri con un'altra persona.

Cancellata dall'utilizzo di pc e soprattutto smartphones, applicazioni quali whatsup Viber o Skype hanno sostituito la parola scritta e nessuno nel giro di 20 anni di rivoluzione digitale sa, se giovanissimo in particolare, cosa sia la carta da lettere o magari a che cosa possa servire un francobollo.

Eppure un tempo gli amici di penna che tutti noi abbiamo avuto grazie ai nostri insegnanti di lingua a scuola erano una parte importante dell'apprendimento di una lingua.

La lettera è sinonimo di attesa e la corrispondenza una volta serviva proprio per approfondire la cultura di un Paese diverso vista attraverso gli occhi del corrispondente che viveva a tantissimi chilometri di distanza da te.

Non sono così sicura che l'utilizzo di internet sia in grado con il tutto e subito di regalarci le stesse emozioni, essendo un'esperienza volatile.

Scrivere è importante anche per rimettere in moto aree del cervello che, viceversa rimarrebbero "spente".

Utilizzare la mano, forzare il cervello a "pensare" in modo più lento, alcuni abili esercizi per tornare a una sana normalità.

Dobbiamo infatti chiederci se l'utilizzo delle tecnologie non tolga pace in molti casi a dispetto di una quotidianità in passato scandita da ritmi che per noi umani dovrebbero essere più lenti.

Mentre pensavo questo una sera sono capitata per caso su un sito internet: The Letter Exchange.

È stato creato da un gruppo di amici di Cambridge, (sì la città natale di Matt Damon tra le altre cose) in Massachussets.

I ragazzi chiedevano che venisse scritta loro una lettera che poi sarebbe finita su un libro di futura pubblicazione.

"Metteremo in questo libro tutte le lettere e le storie che le persone che ancora amano corrispondere vorranno condividere con noi grazie al valore della corrispondenza".

I ragazzi spiegano che in Massachusetts c'è una ricca storia anche in termini di corrispondenza, sebbene l'avvento delle nuove tecnologie abbia ridotto la corrispondenza scritta a una pratica ormai spenta.

"Internet ha catturato la maggior parte della nostra attenzione. Twitter, Instagram ma anche i blogs ci permettono un'istantanea connessione tra  persone vicine e lontane".

I ragazzi pensano che però questo sistema di comunicazione non sia il più personale esistente al mondo
sebbene più pratico.

Ovvio: se devo contattare velocemente una persona per un'urgenza, accendo il pc e invio un'e-mail.
In caso contrario perché non scrivere una lettera?
Che cosa ci blocca, insomma?
La letargìa dopo una lunga sessione passata qui davanti?

I ragazzi di The Letter Exchange pensano che i pensieri scritti siano "Più forti e personali".

Il progetto è nato lo scorso marzo 2015 e questo per una necessità quasi: dare voce a quanti ancora amano scrivere lettere e spedire materiale per posta.

"Ne abbiamo parlato in giro, abbiamo fatto conoscere il nostro pensiero e grazie all'aiuto di altri appassionati della parola scritta, il nostro messaggio e il nostro progetto ha cominciato a circolare e a diffondersi".

I ragazzi grazie al loro sito internet e al passaparola ora hanno ricevuto decine di lettere. "Singapore, Italia, Regno Unito, Olanda Stati Uniti. California, Florida, alcuni Stati entusiasti".

Ma che cosa è stato ricevuto? Sì, perché con il tempo la gente non sa più che cosa voglia dire corrispondere.
Non interfacciandosi più con un altro individuo, l'idea appare curiosa.

"Abbiamo ricevuto di tutto. Citazioni, disegni lettere dedicate a parenti deceduti.Il messaggio più toccante forse è stato questo: Semplicemente sapendo che qualcuno leggerà questa lettera per me è qualcosa".

I ragazzi hanno notato che "Tutti i partecipanti cercano di stabilire una connessione, qualcuno che alla fine leggerà le loro parole scritte. Per loro sapere che i loro pensieri personali, scritti stavolta e non affidati all'etere saranno letti è tanto. Amiamo pensare che questo sia un processo terapeutico per tutte le parti coinvolte. Per noi che riceviamo le lettere e per loro che le inviano".

Che cosa significa però per The Letter Exchange scrivere una lettera?

"Illustrare una narrazione intimista che attraverserà e vincerà la prova del tempo che scorre. Quando infatti ti metti seduto a scrivere una lettera entri psicologicamente e fisicamente in un viaggio unico. Trasponi i tuoi pensieri, le tue idee, le tue speranze o paure in un foglio di carta e facendo questo lasci le tue impronte in una forma speciale: quella della parola scritta. Stai cominciando a condividere i tuoi pensieri che debbono ancora essere introdotti didatticamente, con l'Universo. Quando sigilli e spedisci una lettera chi la leggerà potrà dirti che hai sbagliato a compiere una certa scelta, potrà aiutarti a cambiare pensiero. Una lettera infatti è la forma più personale di comunicazione secondo la nostra opinione".

I ragazzi trovano suggestivo un altro particolare: "Lasci al tuo lettore un foglio di carta sigillato, spedito con il tuo marchio, la tua impronta: la tua firma".

C'è una vocazione che muove questo gruppo di ragazzi: "Il nostro proposito è semplice: vogliamo invogliare le persone a scrivere messaggi personalizzati. Il nostro desiderio all'inizio del progetto era quello di mettere in vetrina un lato più personalizzato della nostra comunicazione quotidiana. E eravamo ispirati dall'idea di far rivivere quella che ormai per molti è un arte perduta: la comunicazione scritta".

Eppure quanta ricchezza c'è nella corrispondenza.

"Sì, perché vede, ammettono i giovani, noi viviamo al giorno d'oggi di gratificazioni istantanee. Vogliamo dire: l'individuo dietro a un tweet o a un post di Facebook è quasi
perso. Il processo creative come pure la tua identità diventa confusa, assolutamente poco chiara utilizzando questi strumenti. C'è confusione. In più vuoi mettere? Potresti crearti una personalità o un'identità del tutto differente senza accenni alla tua versa essenza o persona".

La differenza principale tra internet e una lettera è la serietà.

"Quando ti metti seduto e scrivi una lettera l'anonimato va via. Sei responsabile per le parole scritte, anche se sono pura finzione o se tu stia scrivendo loro sotto flusso di coscienza. È tutto più personale".

I ragazzi condividono con noi un pensiero.

"Il ruolo della corrispondenza è andato perso. D'altro canto il ruolo del ricevente è andato perso assieme a quello del mittente. Pensiamo infatti che come sia un'esperienza personale e un viaggio personale scrivere una lettera così lo sia riceverne una".

I ragazzi si sono informati e hanno fatto una scoperta:

"Quando apri la cassetta delle lettere e ci trovi una lettera in mezzo a tutte le fatture da pagare, le bollette, i messaggi pubblicitari, una statistica ha rilevato che il 10-15% delle persone si sente meglio se la busta è scritta a mano. Anche se si tratta di una normale comunicazione. Questo significa qualcosa. Più di qualche cosa. Risuona nella nostra mente forte e chiaro un messaggio. Questo significa che noi ci connettiamo visivamente con la parola scritta".

I ragazzi sperano.

"Ci piacerebbe sperare che la corrispondenza scritta non sia una cosa del passato. Mi piacerebbe pensare che nelle
comunità che il nostro progetto ha toccato il pensiero scritto esista ancora. Un mantra che ci piacerebbe venisse adottato: piantiamola con la glorificazione del "Busy" dell'occupato, dell'impegnato. Noi glorifichiamo sempre i nostri giorni pieni di impegno. È giusto ma...Ricordiamoci che non solo la lettera scritta sta entrando in crisi ma la lettura di un libro, andare a giocare. Siamo entrati in un epoca in cui siamo catturati per trenta secondi da un'immagine illusoria e da brevi trilli di telefonino".

I ragazzi amano Boston.

"Di recente in città c'è stato un revival di negozi che vendono materiale per la corrispondenza. Questi negozi
potrebbero essere trendy. Sono diamanti potenziali ma che per ovvie ragioni legate alle moderne tecnologie non possono rilucere appieno e non possono risplendere come dovrebbero".

Che cosa vendono questi negozi?

"Cartoline, penne, carta da lettere, notebook, e tanto altro ancora e tutto in stock.
Sono i nostri santuari dopo il lavoro. Abbiamo centinaia di cartoline nei nostri appartamenti per ogni occasione o solo per spedire un pensiero quando lo vogliamo".

Avete ricevuto tante lettere per il vostro progetto?

"All'inizio 2-3 lettere per mese. La frequenza è aumentata dallo scorso settembre. Abbiamo mantenuto un comportamento paziente. Sapevamo che all'inizio la nostra cassetta delle lettere non sarebbe stata inondata da lettere. Il processo creativo prende il suo tempo. Il nostro progetto andava conosciuto".

La gente non sa che cosa scrivere.

"La domanda che ancora consideriamo più rilevante è stata: che cosa dovrei scrivere? Abbiamo detto alle persone che non aveva importanza quello che avessero scritto ma che aveva importanza che comunicassero quello che gli passava per la testa in quel momento. Scrivere una lettera non dev'essere vissuto, perché non lo è, come un compito difficile".

I ragazzi spiegano che non ci sono stati siti che li hanno ispirati o situazioni che li abbiamo coinvolti. Solo forse la loro attenzione per la mail art una nuova forma di comunicazione artistica che recentemente ha preso parecchio piede li ha fatti riflettere.

"Sì: abbiamo pensato che scrivere lettere e riceverne fosse bello. I nostri amici ci dicono che noi siamo rimasti tra i pochi a scrivere lettere. Abbiamo pensato più in profondità ai sentimenti di tutte le persone che amano scrivere e siamo giunti a capire che ci sono molte altre storie là fuori che non hanno sbocco. Tutto questo ci ha ispirato e ha fatto sì che un insieme di complesse combinazioni di sentimenti e amore per la scrittura potesse poi generare The Letter Exchange".

Sapete come viene utilizzata la corrispondenza al momento in Massachusetts? La gente scrive?

"Non ne abbiamo idea. Possiamo parlare solo per noi e per le persone che ci circondano. Pensiamo però che la maggior parte delle persone ormai usi il mezzo scritto solo
per spedire cartoline durante le feste. In passato i nostri parenti corrispondevano con amici e altra gente che è rimasta a vivere in Europa. Era meno difficile tenere una corrisponedenza regolare quando il servizio postale più semplice da utilizzare. Era anche più difficile rintracciare le persone tramite la normale corrispondenza, quello sì. Vogliamo dire...
Ora internet ci permette di trovare la gente, i nostri parenti in pochi click. Andiamo su Google e troviamo un nome che ci apparirà listato su Facebook, Instagram e possiamo entrare in contatto facilmente con questa persona. Possiamo ottenere il suo indirizzo. In passato se nessuno ti informava  di un trasferimento la corrispondenza sarebbe andata persa".

Vero è che certe volte, esperienza passata nemmeno gli indirizzi listati su internet sono aggiornati...

I ragazzi sono entusiasti degli uffici postali.

"Li adoriamo. Sono luoghi gioiosi per tutti noi. Ci piace osservare le persone che fanno la fila per spedire lettere o pacchi. Adoriamo ricevere lettere quindi ci piace anche pensare e fantasticare...Chissà a chi spedirà quella lettera la signora? E quel pacco dove andrà a finire? Amando ricevere lettere e pacchi pensiamo che dovunque queste missive andranno faranno la felicità di chi le riceverà perché spedite con il cuore".

I ragazzi aggiungono che amano scrivere.

"Scriviamo quando ci sentiamo ispirati. Teniamo diari, liste di cose da fare, le cosidette to-do lists. Teniamo impressa la scrittura con ...lo scrivere così che la parola scritta rimanga vitale giorno per giorno nelle nostre vite.
Spediamo a amici e parenti cartoline, biglietti d'auguri, lettere. Qualche volta ci succede di spedire solo delle brevi note che possano fare la differenza durante la giornata per chi le riceverà. Ci piace spedire ricette e quant'altro se sappiamo quali sono i gusti delle persone. Spedire e far felici sul territorio americano costa solo $0.49 cents. Ricevere un bigliettino con su scritto: "Sto pensando a te" che può essere letto anche dopo 20-30 anni non ha né tempo e né prezzo".

Proprio vero!



Anna Maria Polidori


Per inviare altre lettere:


The Letter Exchange
P.O. Box 391014
Cambridge, MA 02139
letterexchangeus@gmail.com
www.theletterexchange.com

#theletterexchange
Twitter @letter_exchange
Instagram @theletterexchange